Pubblicato in: cotone&co., cucito

Giacchina baby in Sangallo rosa

Quando acquisto una stoffa che mi piace, la maggior parte delle volte la lascio in stand-by in attesa che mi venga l’idea giusta e l’ispirazione … ma stavolta, comprando tutto questo popó di rosa, non potevo non destinarlo immediatamente alla signorina di casa che è innamorata di questo colore (e quale bimba della sua età non lo è??).

Così questa primavera mi sono impegnata, anzi ci siamo impegnate (collaborazione con la suocera) e per un po’ di pomeriggi, tra una poppata e l’altra, siamo riuscite a finirla.

Cosa ne dite del risultato?? Vi piace?

Collettino con volant, fodera di cotone rosa che si intravede sia nelle maniche che in fondo e infine coulisse in vita per stringere un pochino, dato che la mia principessina è un po’ magrolina…

Cosa dire … io sono innamorata del Sangallo… lo metterei ovunque!!!

… e… ovviamente… do il massimo dei voti alla mia modella!!! 🎀💞

Lo strato esterno è in Sangallo rosa leggermente imbottito che termina con festone, l’interno è foderato con piquet rosa.

Alla prossima creazione,

Valeria

Annunci
Pubblicato in: cotone&co., cucito, feltro e pannolenci, home decor

Copriforno “gnomoso” shabby chic

Questo progetto era nella mia mente da parecchio tempo… quest’estate finalmente sono riuscita a realizzarlo!

cop1

 

Un simpatico, ma allo stesso tempo elegante, copriforno con taschina gnomosa…

 

cop5

 

…e tanti cuoricini di feltro che gli danno un tocco di colore e romanticismo.

 

cop4

 

cop6

 

cop3

 

Il pizzetto applicato écru e i volant lo rendono ancora più romantico!!

 

cop

 

Prossimamente un altro copriforno in stile moderno!

Alla prossima creazione!

Valeria

 

Pubblicato in: cotone&co., cucito

Abitino estivo di jeans/baby – jeans dress

Non trovate delizioso questo abitino di jeans che ho realizzato per la mia bambina di 4 anni?

Le applicazioni floreali (tra l’altro esattamente degli stessi colori delle vere piantine che abbiamo messo in giardino!) lo rendono veramente allegro e colorato!!

 

Bp5VIqw

 

Il modello è questo che vedete in foto:  tratto da BURDA KIDS N°15 anno XI.

SCAN_20180821_185839756

Il progetto è il n°620 per 104cm di altezza

SgRm1Sr

 

Ha apportato qualche modifica rispetto al modello proposto dalla rivista: niente taschine anteriori, l’apertura dietro è completa e non solo parziale (ho usato i poussoir) e non ho fatto il collettino e le manichine corte.

 

DSCN9240

DSCN9239

DSCN9238

TuKuPjy

 

msDXQh2

 

Alla prossima creazione cari lettori!

Pubblicato in: cotone&co., cucito

Borsette in pizzo handmade

Diciamocelo… il pizzo è sempre di moda!

BORSA3

…e se a questo aggiungiamo che la mia piccola treenne impazzisce per le borsette e per il colore rosa… il risultato non poteva che essere ciò che vedete in foto!

BORSA2

Realizzate interamente a mano con pizzo rosa esterno e fodera di cotone rosa interno, sono state molto apprezzate dalle piccole donnine sempre alla moda!

BORSA

 

BORSA4

 

 

Pubblicato in: cotone&co., cucito

Abitino San Gallo x un matrimonio Irpino

17-08-2017  …Ci siamo ritrovati così, in quello che è stato eletto nel 2015 il borgo più bello d’Italia, a festeggiare il matrimonio dei fantastici Milena e Fabrizio.

Per l’occasione ci tenevo molto a creare da sola l’abitino di Ada, e così ho fatto… finendolo la sera prima di partire in direzione sud…!

abito ada 2

Il vestitino è smanicato, in pizzo San Gallo bianco con un sottogonna in cotone rosa che fuoriesce dal primo strato con i volant. In vita, una cintura rosa che nel retro forma una rosa (improvvisata la mattina stessa del matrimonio).

 

abito ada

 

abito ada 3

…e questa è la famosa Monteverde…

IMG_6218

L’area, incuneata tra la Puglia e la Basilicata, è sempre stata di frontiera per la sua particolare morfologia. Le valli del fiume Ofanto e del suo affluente Osento isolano, a mo’ di baluardo, in tre colli, dall’alto dei quali lo sguardo spazia verso il massiccio dei Picentini, verso l’intatto cono vulcanico del Vulture e la piatta marina del golfo di Manfredonia.

L’abitato è bello e conserva decorosamente il suo aspetto e corredo di borgo Medioevale, sempre recuperato anche dopo gli ultimi disastrosi terremoti del 1930 e del 1980. Suggestivo ed invitante è il passaggio del suo territorio comunale, ricco di boschi e di fontane attrezzati per pic-nic ed escursioni e, dagli anni Sessanta, del lago artificiale di San Pietro nella valle dell’Osento. Qui, d’estate, si da’ vita al “Grande Spettacolo dell’acqua” per iniziativa della Fondazione “Insieme Per…”

Meritano attenzione soprattutto le sua chiese ed il castello di fattura aragonese, acquistato dal comune nel 1996, in via di recupero ed in parte già fruibile per manifestazioni culturali

La

location del matrimonio…

IMG_6231IMG_6233IMG_6240IMG_6259IMG_6261IMG_6262IMG_6264IMG_6265IMG_6266IMG_6267IMG_6268IMG_6269IMG_6270IMG_6271IMG_6272IMG_6273IMG_6275IMG_6279IMG_6293IMG_6294IMG_6300IMG_6301IMG_6302IMG_6303IMG_6304IMG_6305

IMG_6334IMG_6336

Il pizzo San Gallo:

Il pizzo San Gallo rappresenta una pregiata tipologia di pizzo che mostra una base in cotone recante una serie di raffinati disegni, i quali si alternano a trafori e pieni a rilievo. Questo tessuto è particolarmente prezioso, soprattutto quando si ha a che fare con pezzi cuciti interamente a mano, i quali rappresentano una vera e propria opera di alta tecnica tessile.
Il motivo del successo del pizzo San Gallo è la semplicità dell’effetto ottico che contrasta con l’accurata metodologia che è richiesta per la sua realizzazione. Simbolo di un fascino retrò, la sua storia è strettamente legata alla tradizione sartoriale svizzera. Infatti, la sua produzione è cominciata nella città di San Gallo, dove ha vissuto un periodo estremamente fiorente nel XIX secolo, quando il Paese fu uno dei più importanti esportatore di tessuti ricamati.
Il settore tessile arrivò a rappresentare una risorsa di sostentamento per più della metà degli abitanti e il suo commercio crebbe fino allo scoppio della Prima Guerra Mondiale. Infatti, in quegli anni, si osservò una forte diminuzione della richiesta di produzione di questo tipo di pizzo.
Ad oggi, invece, la qualità offerta e la produzione sono tornati ai livelli degli anni d’oro. È molto raro riuscire ancora a trovare un vero pizzo ricamato a mano, per via della quasi completa industrializzazione del settore, tuttavia, in alcuni musei svizzeri, sono conservate tele interamente cucite a mano. Principalmente, il pizzo San Gallo ha una base in cotone, ma possono essere utilizzati anche altri tessuti, sia di stampo classico come seta e lino, sia più moderni come il nylon.

La bellezza del pizzo San gallo e il suo essere sempre in bilico tra l’antico e il moderno, lo rende adatto ad adornare diverse tipologie di elementi. Esiste, quindi, un vasto assortimento che lo rende protagonista, per esempio, di decorazioni per abiti e accessori. E’ un’ottima scelta per impreziosire gli orli o le maniche delle camicie o le scollature di freschi abiti leggeri.
Questo genere di pizzo aiuta a risaltare un abbigliamento fresco, quindi è indicato soprattutto per la stagione estiva.

pizzo-san-gallo-innamorati-tessuti