Pubblicato in: cucina

Buona Pasqua! Colomba con gocce di cioccolato

Lo scorso anno, nel blog di cucina di cui ho già abbondantemente parlato, pubblicai la ricetta della mia prima Colomba Pasquale, fatta con lievito madre, al cioccolato. Devo dire un dolce veramente ben riuscito… di una infinita sofficezza!

Yw4JiKQ

punPpLB

yj7lgs2

Certo non un lavoro da poco: sono necessari tempo, pazienza e tanta voglia di creare un dolce coi fiocchi che farà felici amici e parenti; il simbolo della Santa Pasqua, il simbolo della pace.

EO1z1nJ

6lyMwuL

La colomba richiama all’episodio del diluvio universale descritto nella Genesi, nel quale ritornò da Noè tenendo nel becco un ramoscello di ulivo, un messaggio di pace: il castigo divino concluso, le acque del diluvio si stanno ritirando, inizia un’epoca nuova per l’umanità intera. La colomba diventa quindi simbolo della pace.

Ingredienti (per Colomba da 1Kg)

 Primo impasto

lievito madre rinfrescato 100gr

zucchero semolato 65gr

tuorli 50gr (circa 3 tuorli)

acqua tiepida 95ml

burro ammorbidito 68gr

farina W350 250gr

Secondo impasto

primo impasto

zucchero semolato 65gr

miele 5gr

acqua 25ml

tuorli 50gr (circa 3 tuorli)

farina Manitoba 125

sale 4gr

burro 60gr

vanillina 1bustina

gocce di cioccolato fondente 80gr

qualche scaglia di cioccolato al latte (facoltativo)

qualche goccia di cioccolato fondente da cospargere sulla superficie

mandorle da cospargere sulla superficie

Per la glassa

albumi 40gr

zucchero a velo 40gr

zucchero semolato 90gr

Per poter gustare la Colomba Pasquale al pranzo della domenica, è necessario iniziare i lavori il venerdì sera. Ecco come procedere:

PASSO X PASSO

Primo impasto (durata totale circa 45 minuti)

Venerdì sera

– Sciogliere il lievito madre, precedentemente rinfrescato, nell’acqua tiepida

– Aggiungere lo zucchero, metà dei tuorli e impastare per qualche minuto

– Aggiungere la farina e lavorare l’impasto fino a che non risulti asciutto

– Aggiungere i tuorli restanti e continuare ad impastare finche non vengano ben assorbiti e l’impasto non risulti nuovamente asciutto ed elastico

– Ammorbidire il burro ed aggiungerlo, dopodichè impastare fino a che non venga assorbito

– Coprire l’impasto e metterlo a lievitare dentro il forno spento con la luce accesa, per almeno 12 ore  (oppure in un luogo senza correnti d’aria con una temperatura di 25-30°C)

Secondo impasto (durata totale circa 45 minuti)

Sabato metà mattina

– Aggiungere al primo impasto il miele, lo zucchero, l’acqua, metà dei tuorli e impastare per qualche minuto; poi aggiungere la farina

– Impastare fino a quando l’impasto non risulti asciutto poi procedere con l’incorporare i tuorli restanti

– Impastare nuovamente fino a quando l’impasto non sarà asciutto ed elastico

– Aggiungere quindi il sale, la vanillina e il burro sciolto tiepido

– Quando l’impasto avrà assorbito bene il burro, proseguire con le gocce e le scaglie di cioccolato (più scaglie di cioccolato si inseriranno e più l’impasto si scurirà, mentre le gocce non andranno ad influire più di tanto sul colore finale del prodotto cotto) e impastare ancora per qualche minuto

– Versare l’impasto nello stampo di carta della colomba e lasciare lievitare fino alla sera (far lievitare almeno 5-6 ore)

La glassa

Sbattere con una frusta a mano tutti gli ingredienti in una ciotola. Il risultato finale deve essere una crema molto densa che non deve colare dalla superficie della Colomba. Si può preparare prima, mantenere in frigorifero e tirare fuori poco prima del suo utilizzo.

Sabato sera

– Spalmare la glassa sulla colomba delicatamente in modo da non rovinare la lievitazione

– Cospargere la colomba di mandorle e gocce di cioccolato

– Infornare in forno preriscaldato a 190°C per 50 minuti

…Ecco la mia Colomba Pasquale prima di procedere con il secondo impasto…

… e qui, subito prima di essere infornata!

 Curiosità

La produzione della colomba, cosi come quella di altri dolci storici italiani è protetta addirittura da un Decreto Legge, precisamente quello del 22/07/05, nel quale si stabilisce che la produzione di questo dolce deve rispondere a determinate caratteristiche per poter utilizzare il suo nome tipico.
L’art. 1 ad esempio riporta quanto segue:
“La denominazione colomba è riservata al prodotto dolciario da forno a pasta morbida, ottenuto per fermentazione naturale da pasta acida, di forma irregolare ovale simile alla colomba, una struttura soffice ad alveolatura allungata, con glassatura superiore e una decorazione composta da granella di zucchero e almeno il due per cento di mandorle, riferito al prodotto finito e rilevato al momento della decorazione.”

 BUONA PASQUA

HAPPY EASTER
JOYEUSE PAQUES

FELICES PASCUAS
PASTE
FERICIT
VESELE VELIKONOCE
KALO PASKA
SREKEN VELIGDEN

BUONA IIACKYA
OUAI HWO GIE QUAI LE
EID-FOSS’H MUBARAK
SRETAN USKRS

OYOHA IIACKYA
Gëzuar Pashkët
عيد فصح سعيد
Щасливої Пасхи
Καλό Πάσχα
Hyvää pääsiäistä
Счастливой Пасхи
สุขสันต์วันอีสเตอร์
Frohe Ostern
Feliços Pascuas
ハッピーイースター
复活节快乐
Joyeuses Pâques
God påske
Срећан Ускрс

Annunci

Autore:

Mi districo tra l'essere mamma di due piccoli marmocchi di 20 e 6 mesi, l'essere moglie e infermiera. Ho detto tutto: la mia giornata è già piena così ... Ma c'è un "ma" che è quello che mi ha portato ad aprire questo blog per condividere la passione per il cucito, il punto croce, la cucina.. Per l'homemade in generale: per la bellezza nel dire "ci sono riuscita!" o "questo l'ho fatto io"! Allora coltiviamo le nostre passioni, condividiamo gli hobbies e accorciamo le distanze tra di noi che, alla fine, siamo semplicemente simili!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...